La Casa delle Mille e Una Notte
Barbera, 2012


Dopo tredici anni dedicati alla narrativa di genere — il viaggio, su itinerari insoliti e avventurosi —, nel suo libro numero 17 Mario Biondi, Premio Campiello 1985, torna alla narrativa di invenzione con una “novella” brillante, solidamente basata sulla sua impeccabile abilità di costruttore di intrecci, sull’uso sempre smagliante della lingua e sul gusto per le ambientazioni “internazionali”. Questa volta si va da Parigi all’Egeo a Istanbul, luoghi che i lettori di Biondi sanno bene quanto gli siano noti, congeniali e cari.
Con ironia ma soprattutto con eleganza letteraria Biondi fa il verso alle Mille e Una Notte componendo una struttura a cornice, con un racconto complessivo in cui si inserisce e intreccia a schidione una serie di altri racconti. E nell’intreccio si riaffaccia anche qualche personaggio dei due precedenti romanzi cosiddetti “turchi”, Un amore innocente (1988) e Crudele Amore (1990): lo scrittore Delio De Curbaga, l’inquietante Theodora Kaino, suo figlio Biko, la sciamana di Kaş… In sostanza si può quindi considerare che il romanzo completi la “bilogia turca” facendone una “trilogia”.
Rossella, la protagonista, è un’autrice italiana di buon successo, non più giovanissima, che alla finestra di un grande albergo di Parigi attende l’arrivo del suo “Lui”, Jean-Luc, un famoso attore cinematografico italo-francese, anch’egli non più giovanissimo, a cui è legata da un rapporto molto particolare.
Nell’attesa la memoria della scrittrice risale ai felici giorni della gioventù in cui lei e Jean-Luc si sono conosciuti, in una località magica dell’Egeo turco-greco. Prima in due dimore di grande signorilità e ospitalità e infine in quella dello stesso Jean-Luc, un castelletto a picco sul mare, un ex lussuoso postribolo ottomano del Seicento.
Una di queste case — di proprietà di una straordinaria turca-armena, al tempo stesso famosa cantante di canzoni tradizionali e inquietante sciamana — si chiama “Le Mille e Una Notte”, e Rossella ci mette poco a capire il perché del nome: gli ospiti si sentono semplicemente in dovere di contribuire alla compagnia con un loro racconto. Lo fanno tutti, a uno a uno, notte dopo notte, e tra un racconto e l’altro si sviluppa la vicenda di Rossella e Jean-Luc. Un’amicizia intensa o un amore appassionato? Lo rivelano soltanto le ultimissime pagine…


Quasi tutti i miei libri sono ormai di difficile reperibilità in forma cartacea, ma si trovano in Rete su Amazon o iTunes nelle RIEDIZIONI DIGITALI in formato Kindle o iBook.

Un loro acquisto in QUESTI DUE canali e formati sarà di
GRANDE AIUTO per il mantenimento di questo Sito, nel caso vi sembri che esso offra servizi utili.

I LIBRI SCRITTI DA ME, mi raccomando, NON LE MIE TRADUZIONI di libri altrui.

In formato cartaceo sono rintracciabili nelle librerie online o con servizi di libreria antiquaria come
MareMagnum o AbeBooks.it.


Grazie fin da ora

OPPURE UN AIUTO CON PAYPAL







Slide copertine